Riprogrammazione Posturale

La postura rappresenta l’atteggiamento, la posizione che l’animale assume rispetto all’ambiente che lo circonda inteso in rapporto con le cose, le persone, i pensieri e soprattutto la forza di gravità.

La postura è risposta all’ambiente ma anche espressione nei confronti di questo. La postura è la principale forma di comunicazione non-verbale, è infatti il ‘linguaggio del corpo’, un linguaggio spontaneo ed automatico che raramente è sotto il controllo della volontà. La postura non è quindi una somma di riflessi, ma un’interazione polisensoriale dove un insieme di strutture, anche differenti tra loro, interagiscono per ottenere un risultato.

Ogni attività o funzione deriva, quindi, da una serie di apporti informativi. Raccoglie i dati (input) esterni o interni, e si estrinseca come fenomeno di adattamento (output).

Lo studio sistematico e l’applicazione del metodo scientifico, che riconosce solo fenomeni riproducibili e quantizzabili, ha reso possibile il passaggio dalla semplice osservazione empirica della postura alla codificazione di una disciplina medica in grado di intervenire in situazioni patologiche posturali ed ha saputo codificare un metodo di diagnosi e terapia che riesce a garantire ottimi risultati nelle patologie funzionali: la Posturologia.

Posturologia e Riprogrammazione posturale

Una postura corretta è importante al fine di consentire un buon equilibrio in piedi, durante il cammino e qualsiasi movimento della vita quotidiana, evitando che muscoli e articolazioni lavorino in modo sproporzionato rispetto alle loro capacità.

Ogni movimento può essere quindi considerato come un cambiamento di postura e la postura come punto di arrivo di ogni movimento.

“Vera o falsa postura”?

“Quando si modifica profondamente la postura, si modifica anche lo stato d’animo e viceversa” (D.Raggi).

Un’analisi eccellente per una terapia efficace. ‘Lcd Podolaser’ permette di evidenziare le anomalie del sistema podalico ma anche di valutare le conseguenze della postura.

Lcd Podolaser, in particolare, ha permesso al Policenter di Bitonto di:

  • Semplificare il processo di protocollo di visita
  • Effettuare un’eccellente valutazione clinica
  • Migliorare il modo di comunicazione; grazie al referto di facile comprensione, il paziente si sente pienamente coinvolto nel processo di riabilitazione.
  • Facilitare il confronto con gli altri specialisti; l’utilizzo del protocollo permette di utilizzare un linguaggio comune per condividere i dati oggettivi sempre nel rispetto della privacy.
Competenze

Postato il

Aprile 20, 2017